MADE IN ITALY

L’argento è portatore di un messaggio di pulizia, limpidezza, caparbietà, è un metallo tosto.

L’argento è portatore di un messaggio di pulizia, limpidezza, caparbietà, è un metallo tosto.

Mi piace l’idea che molte persone possano permettersi di regalare un sorriso acquistando un oggetto d’argento sincero. Queste le parole di Gian Marco Nuvoloni titolare di Gimi Creations. I suoi gioielli raccontano il percorso di una persona che da sempre ha portato con sé una passione, che ha seguito con naturalezza un ciclo di vita fatto di esperienze, confronti, incontri, opportunità, portandolo ad un punto di maturità tangibile.

 

Come nasce l’idea di produrre gioielli d'argento?

Sono sempre stato affascinato dal gioiello fin da ragazzino. Spesso giravo per la fiera di Senigallia, il mercatino delle pulci di Milano, un’istituzione per noi Milanesi, alla ricerca di gioielli particolari. Mi sono sempre piaciuti.  Con il passare degli anni questa passione si è evoluta e ha preso forme diverse. Quello che cercavo era molto chiaro nella mia testa, ma più cercavo più non trovavo in Italia qualcuno che producesse quegli articoli, come li volevo io con quelle caratteristiche. In congiuntura con alcune circostanze della mia vita, nella mia testa prese sempre più forma un’idea, quella di produrli io. Presi così la decisione ed ebbe inizio il secondo capitolo della mia vita. Presi tempo, gli accadimenti del momento me lo permisero, lo utilizzai per imparare e affinare la tecnica, mi misi a produrre alcuni pezzi, li pubblicai sui social, ebbero successo e, questo diede il via all’apertura della mia attività.

 

La sua prima collezione? Cosa ha provato, cosa ha capito, che reazioni ha avuto il suo primo pubblico?

La mia aspettativa è alta, ecco perché cerco di produrre oggetti in linea con le mie aspettative. Così è stato anche per la mia prima “uscita”. Avevo imparato a conoscere i gusti del mio pubblico, vasto ma con una tendenza, la ricerca della qualità. I miei clienti provengono da ogni parte del mondo e in particolare i miei clienti stranieri cercano la qualità nel mondo della gioielleria, cercano il Made in Italy, che ha un legame molto stretto con le scuole antiche, aspetto molto importante anche per il cliente Italiano che cerca l’artigianalità della gioielleria.

 

Dove e come ha imparato.

Da autodidatta. Un amico, vecchio orafo, mi ha dispensato preziosi consigli, all’inizio gli chiesi di insegnarmi l’arte del mestiere, di fornirmi i primi rudimenti, farmi capire la tecnica, poi ho chiesto consulenza a tutto il mondo, letteralmente. Mi sono attaccato ai social, viaggiato in internet per ore e ore, seguito video tutorial su YouTube. Ho sempre avuto l’attitudine al disegno ed ero tanto stimolato dall’opportunità che mi si presentava, ideare, disegnare e finalmente creare dalle mie emozioni. Ho mescolato tanti ingredienti, la creatività, le mie capacità manuali, il disegno, e ultimo, ma non meno importante la mia capacità manageriale, consolidata negli ultimi anni presso importanti aziende multinazionali. Ho disegnato e ho mescolato la capacità di fare con la capacità di ideare e disegnare. La tecnica orafa è arrivata nel tempo.

 

I bikers ed il mondo dei motociclisti sono stati un’ispirazione?

Inizialmente sì, oggi però il mio target è molto più vasto ed eterogeneo. Il mondo dei motociclisti è uno dei tanti, rappresentano il 5% dei miei clienti, che oggi sono di tutte le età, anche di 80 anni. Un pubblico prevalentemente adulto, non giovane, a parte qualche eccezione. La media va dai 25, 26 anni a salire al cliente tipo di 35, 55 anni. Composto per il 60% da uomo e per il 40% da donna. Il mio prodotto non è light e difficilmente incontra il gusto di un pubblico giovane che generalmente non ama le cose impegnative, a parte qualche eccezione.

Quale importanza riveste l’argento e di quale messaggio è portatore?
L’argento è un materiale antichissimo, è un metallo prezioso utilizzato dalle civiltà più importanti del passato come gli Egizi e gli Etruschi. Oggi in molti casi va a sostituire l’oro per ovvi motivi di costo. Stiamo parlando comunque di un metallo nobile e non facile, se consideriamo le difficoltà nella lavorazione, a differenza dell’oro. L’argento è portatore di un messaggio di pulizia, limpidezza, caparbietà, è un metallo tosto, seppur porti con sé una serie di problematiche legate appunto alla resa finale. L’argento è per tutti, è popolare. Mi piace l’idea che molte persone possano permettersi di regalare un sorriso acquistando un oggetto d’argento sincero, non potendolo spesso fare con l’oro.

 

Disegnare un gioiello e modellarlo richiede particolari capacità, può interessare le nuove generazioni e se sì quale messaggio dare ai giovani talenti?

Parola mia! che sono uno che fa tutto da solo. Questo lavoro richiede capacità e ricerca. Io avevo questa attitudine già dentro di me, ho scoperto di saperlo fare, non mi sono improvvisato. A proposito del suo capolavoro la Pietà, Michelangelo disse di vedere già la scultura all’interno del marmo stesso ancor prima di eseguirla. Il suo lavoro doveva essere quello di rimuovere l’eccesso in modo da liberare l’immagine all’interno. Io stesso, senza paragonarmi ovviamente a un maestro quale Michelangelo, accade per me, visualizzo i miei lavori ancor prima di crearli. Questo per arrivare a dire ai giovani, che oggi si sono lanciati nella tecnica della gioielleria 3d, di non perdere questa tradizione. Senza nulla togliere alla tecnologia, di aiuto per tantissime necessità, ma spesso snatura la vena creativa. Si perde la magia, la poesia di una composizione artigianale, la dolcezza della manualità, dell’arte creativa, l’imperfezione che è proprio il simbolo della qualità. L’esecuzione di un gioiello avviene attraverso una tecnica molto complessa di derivazione Etrusca, la lavorazione a cera persa, fatta di molti preziosi passaggi che proprio per questo attesta la qualità della lavorazione artigianale. Passaggi che si annullano totalmente con la creazione del gioiello utilizzando la tecnica 3D.


Perché gli italiani dovrebbero affidarsi e comprare il made in Italy
Perché è sinonimo di qualità, ricerca di qualità, design ma anche per aiutare la nostra economia gli artigiani e tutti coloro che al mattino si svegliano per andare a lavorare. Io se posso scegliere scelgo volentieri il Made in Italy.

 

Cosa ne pensa del progetto labishop.it, di un negozio online dedicato ai soli laboratori di eccellenza Italiani, una rete di proposte che si pongono in alternativa ai grandi brand delle multinazionali.

Io ci sono! Progetto molto interessante, i laboratori italiani hanno bisogno di tanta visibilità. Una grande sfida è quella di fare superare la barriera dell’immateriale, c’è ancora la voglia di comprare qualcosa che si può toccare con mano. È una grande sfida quella di far superare questa ritrosia. Se il prodotto è a bordo di questa piattaforma è un prodotto di qualità, deve arrivarti il prodotto che hai visto in foto e la foto deve dare il senso della qualità.

← Post più vecchio Post più recente →



Lasciare un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati