Made in Italy

L’incontro con una “bolla” provocata da una caduta, ha dato inizio alla produzione di oggetti di illuminazione di design di knikerbocker.

 

L’incontro con una “bolla” provocata da una caduta, ha dato inizio alla produzione di oggetti di illuminazione di design di knikerbocker.

Una storia che ha segnato un successo dietro l’altro. Una casualit  che ha stimolato la nascita di idee e disegnato la strada di un’azienda Made in Italy dalle creazioni di luce, uniche e magiche. Abbiamo chiesto al suo fondatore Gigi Ranica di parlarcene.

L'illuminazione tradizionalmente un settore dove l'Italia eccelle con proposte di design molto apprezzate in tutto il mondo. Cosa vi differenzia e vi rende unici?

Il concetto distintivo di Knikerboker   rappresentato dall’enfasi che mettiamo nei progetti delle nostre collezioni, che riproducano l’idea di luce, componendo l’arte in sculture luminose estremamente uniche. Quello che ci rende diversi   proprio questo: le nostre lampade sono interamente fatte a mano, nessuna   identica all’altra, ogni pezzo   unico, come lo sono le opere d’arte.

Avete scelto il ferro come vostra materia prima di riferimento, perchè ?

Prevalentemente per due fattori. Non conoscevo bene il mondo del vetro, materiale anche complesso da lavorare e sotto certi versi molto impegnativo, quindi decisi di iniziare con un materiale pi  duttile e pi  maneggevole e la mia scelta cadde sull’alluminio. Poi accadde un evento che si pu  dire segn  l’inizio di questa mia avventura. Mi trovavo in laboratorio e stavo maneggiando alcune lastre di ferro, me ne cadde una e mi accorsi che sulla superficie si era creata una bolla provocata dalla caduta. Chi l’avrebbe mai detto che da una bolla poteva nascere l’idea di una lampada, ma fu cos . Fu quello il momento in cui si concretizzò  l’idea di creare oggetti di illuminazione.

Dal si trasformato il concetto di lavorazione del metallo, come mai era stato fatto prima e iniziarono a concretizzarsi sempre di più  oggetti interessanti. Crash fu il nome di battesimo di quella lampada, nata per l’appunto da una “caduta”. Una delle collezioni più  vendute. Abbiamo omologato la modalità  di produzione che richiedeva un sistema manuale di battitura sull’acciaio per andare a ricreare la stessa bolla che si era creata accidentalmente durante quella fortuita caduta. L’aspetto monocromatico in foglia d’oro va a produrre un effetto di rifrazione naturale. Una lamiera battuta con avvallamenti irregolari crea infatti naturalmente un gioco naturale di luce e ombre molto affascinante.

Lavoriamo ferro, ottone, alluminio, argento e anche rame, tutto il metallo. Lo lavoriamo, lo trattiamo, lo verniciamo, applichiamo a mano la foglia d’oro e otteniamo oggetti, l’uno diverso dall’altro, non ci sono lampade uguali. Segno di qualità  artigianale.

Visitando il vostro laboratorio si ha la netta impressione di una progettualit  empirica, cio  quasi contestuale alla fase prototipale. Come nasce un vostro nuovo progetto?

Direttamente dall’officina, mai creato nulla su carta. Ci arriva la richiesta per un oggetto su misura, lo creiamo e da quella creazione nascono le nostre collezioni. Ispirati dalla collocazione di quell’oggetto, dall’ambiente circostante, visualizzo altri contest e inizio a pensare dove e come vedrei altri pezzi, o altre coniugazioni di quel pezzo. Quella collezione diventa lo spunto per “vestire” uno spazio specifico. Anche i nomi che diamo alle collezioni rispecchiano le situazioni.

Su cosa vi siete concentrati inizialmente e come sono evolute le vostre collezioni?

Il mondo dell’illuminazione   per lo pi  Italiano e trovare spazio in questo firmamento   molto difficile, soprattutto considerando la miriade di aziende presenti nel settore. Un’impresa quindi molto ardua. Io e mio fratello veniamo da una famiglia che gi  era affermata nel settore dell’abbigliamento e della moda e le nostre vedute erano dirette gi  naturalmente verso il mondo del luxury, dell’eleganza, della creativit . Produrre oggetti di illuminazione particolari che in qualche modo “sfilino” con eleganza e unicit , negli ambienti da vivere, appartiene un po’ al nostro mood. Abbiamo mixato le nostre esperienze cercando di produrre qualcosa di raffinato per evidenziare il Made in Italy.

Quale spazio vorreste illuminare con le vostre opere? C'  un sogno nel cassetto?

Stiamo con i piedi per terra. Nessun volo pindarico in realt . Pi  che i nostri sogni cerchiamo di realizzare i sogni degli altri. Certo, quando ci vengono affidati progetti soprattutto per spazi grandi, capita di visualizzare anche altri contest in cui inserire quella stessa lampada. Quando l’abbiamo installata mi vengono in mente altre location dove potrebbe essere contestualizzata.

La luce un elemento di arredo poichè contribuisce a definire un ambiente. Che valore aggiunto porta il vostro stile di illuminazione ad uno spazio abitabile?

Cerchiamo di fare lampade che non illuminino a giorno ma lampade che arredino e che anche da spente diano emozioni. La lampada accesa non solo deve illuminare uno spazio ma anche creare un gioco di luci e ombre che destano emozione. Creare una morbida atmosfera ed emanare una luce piacevole che ti avvolge nella sua funzione. Idem per quando   spenta. La lampada protagonista assoluta dell’ambiente che si vive, una presenza costante e non deve mai stancare. Una decorazione che può trasformare un ambiente banale in una stanza di carattere.

Perchè gli italiani dovrebbero affidarsi e comprare il made in Italy?

Perchè il Made in Italy   riconosciuto a livello internazionale come sinonimo di artigianalità  e qualità . Noi ne siamo la prova. Serviamo infatti una grande fetta di mercato internazionale. Ogni anno partecipiamo alla fiera Light & Building di Francoforte e da questo punto di vista otteniamo sempre parecchie soddisfazioni ed   la prova che lo stile Italiano   inconfondibile. Altri stili lo sono, come per esempio lo stile scandinavo, il belga, il francese e anche il tedesco, ma quello Italiano ha quel qualcosa in pi  che lo mette sempre al primo posto.

Cosa ne pensa del progetto labishop.it, di un negozio online dedicato ai soli laboratori di eccellenza Italiani, una rete di proposte che si pongono in alternativa ai grandi brand delle multinazionali. Interessante perch    un’opportunit  per trasmettere il Made in Italy e per un’azienda piccola come la nostra   difficile arrivare al pubblico, se non appunto attraverso manifestazioni fieristiche o altri eventi spot. Quindi siamo contenti e lusingati di avere abbracciato questo progetto.

 

Giugno 2021 - Intervista rilasciata a Laboratori Italiani per la rubrica Storie Made in Italy.

← Post più vecchio Post più recente →



Lasciare un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati